Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Negroni: un classico fiorentino

Il cocktail Negroni

Buon Gin, Vermouth freddo e Bitter quanto basta.

Ogni bevanda e ogni cocktail hanno bisogno di una storia: quella del Negroni è stata raccontata e documentata con piglio storico investigativo da Luca Picchi, barman fiorentino col pallino della storia, in un libro originale e pieno di immagini.

In questa storia ci sono due protagonisti: il cosmopolita avventuriero conte Camillo Negroni e il barman Fosco Scarselli, sullo sfondo della Firenze mondana dell’inizio del secolo scorso. Fosco Scarselli lavorava da Casoni, all’angolo di via Tornabuoni, ma parlando di Caffè storici scomparsi a Firenze si apre un mondo.C’era il caffè bohémien dei macchiaioli, il Caffè Michelangelo, e quello più esclusivo e più rimpianto, Doney.

Oggi rimangono Gilli, il più antico che risale al 1733, Paszkowsky, nato come birreria nel 1904 e Rivoire, aperto da una famiglia di cioccolatieri piemontesi nel 1872.
In questi luoghi frequentati da una clientela già internazionale si diffonde la moda di bere all’americana, ovvero di miscelare i liquori per ottenere i primi cocktail, come l’Americano, mix di Vermouth e Bitter, che andava per la maggiore.

“In un giorno imprecisato fra il 1917 e il 1920 il conte chiese a Fosco di “irrobustire” il suo americano” e Camillo scelse il Gin londinese per mantenere il colore, ottenere vigore (alcolico!) e per un gusto secco.
Dal primo “un americano alla maniera del conte Negroni” a “un Negroni” è bastato pochissimo a questo cocktail per affermarsi. La sua grande diffusione e la sua paternità italiana sono testimoniate fra l’altro dalla sua comparsa nel film  La primavera romana della Signora Stone e per essere ordinato da James Bond nel racconto Risiko, ambientato a Venezia.

Così dai fasti della Firenze futurista, all’Italia del boom economico il Negroni e le sue ormai innumerevoli varianti (o twist) sono un altro prezioso tassello di made in Italy che resiste al passare delle mode. (S.B)


«

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.