Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Rosso e Pontormo in mostra e oltre

La mostra di palazzo Strozzi ci accompagna a riscoprire le opere di due grandi pittori del Cinquecento e per riflettere sulla nascita della “maniera moderna”. Pontormo e Rosso sono perfettamente coetanei, ma le loro vite e le loro scelte artistiche sono state spesso contrastanti.

Erano uomini del loro tempo e hanno vissuto cambiamenti storici: la fine della Repubblica fiorentina, la Riforma luterana, il sacco di Roma e la presa del potere dei Medici. Quest’inquietudine si riflette anche nelle loro opere ma in maniera diversa e talvolta contradditoria. Entrambi erano arrivati giovani, ma non inesperti nella bottega di Andrea del Sarto, che lavorava in SS. Annunziata, una delle principali chiese della città. e forse tutti insieme vanno a Roma nel 1511, ricavandone emozioni diverse: Pontormo affascinato da Raffaello e da un linguaggio che unisce naturalezza e grandiosità, mentre Rosso rimane attaccato alla purezza, anche spirituale, del primo Rinascimento fiorentino.

Dopo questi esordi le strade si dividono: Pontormo rimane a Firenze, fa una vita ritirata e vede poche persone. Il suo lavoro prosegue alla Villa di Poggio a Caiano e in opere per chiese e privati. Rosso inizia i suoi viaggi, fra la Toscana e Napoli, e produce opere severe e arcaiche.

Rosso fiorentino, Sposalizio della vergine
Negli anni della maturità Rosso rientra a Firenze, dove lascia alcuni capolavori come Lo Sposalizio della Vergine, carica di suggestioni platoniche e cabalistiche, mentre Pontormo si rifugia alla certosa del Galluzzo dove i suoi affreschi mostrano lo studio approfondito dell’arte tedesca, in particolare di Dürer.

Per il finale non mancano i colpi di scena: Rosso fiorentino che si trovava a Roma durante il sacco perde tutto, viene imprigionato infine fugge verso Arezzo, Venezia e infine la Francia, dove incontra un grande successo.  Di Pontormo dopo la Visitazione non rimane quasi nulla: le opere distrutte o perdute lasciano solo suggerimenti incompleti.

La visita

Fra opere inedite, restauri eccellenti, disegni e ritratti, la mostra è un passaggio irrinunciabile fino a luglio 2014.

Se volete visitarla con una guida qualificata per approfondire la storia di Pontormo e Rosso, o volete visitare gli altri luoghi di Firenze legati alla maniera moderna (la cappella Capponi a Santa Felicita, Palazzo Vecchio, la Certosa, San Lorenzo) chiedete un itinerario personalizzato.

Contatti


«

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.