Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Facebook Pixel [noscript]” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Firenze nel Novecento

Baccio-Maria-Bacci_900

Una città nella storia

 

Un percorso nella storia del Novecento fiorentino parte dalla stazione di Santa Maria Novella di Giovanni Michelucci, esempio di architettura razionale e moderna, disseminata di opere d’arte, da Ottone Rosai a Gianfranco Talani.

Una visita al Museo del Novecento, permette di conoscere la città al tempo delle battaglie futuriste di Marinetti, le avanguardie astratte degli anni Cinquanta fino alle sperimentazioni degli anni Ottanta: una raccolta che testimonia un dibattito vivo e vitale intorno all’arte.

Riprendiamo la nostra passeggiata per arrivare al cinema Odeon, e ripercorrere le vicende di attori e pellicole fiorentini, e facciamo sosta al Chiosco degli sportivi, un capolavoro dell’astrattismo classico poco conosciuto.

La guerra, l’alluvione e Pratolini: Novecento in Oltrano

Attraversiamo l’Arno per ripercorrere in San Frediano i passi di Vasco Pratolini e per scoprire i monumenti e i ricordi legati all’antifascismo a alla Resistenza in un quartiere tradizionalmente popolare. Il cuore del quartiere è senz’altro Piazza Santo Spirito dove affaccia il Caffè Ricchi: all’interno si conservano i progetti di artisti internazionali per la facciata della Chiesa.  Risalendo verso l’Arno troviamo palazzi anni Cinquanta, che risalgono alle ricostruzioni postbelliche incontriamo il  San Giovanni Battista di Giuliano Vangi sembra voler tenere insieme passato e futuro e concludiamo la passeggiata in Piazza Poggi, che ospita varie sculture urbane, fra cui un’opera di Giò Pomodoro.

Per i più volenterosi la passeggiata può continuare fino al Giardino delle Rose dove sono collocate in un percorso suggestivo le sculture che Jean Michel Folon ha donato alla città.

La visita al museo del Novecento può essere sostituita per chiusura o per alternativa alla visita del Museo Marino Marini.


«

Su questo sito web utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma [tu] hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .